091/6111166     091/589245 cgilpalermo@cgilpalermo.it
Immigrati Alla Cgil

“Abbattiamo i muri”: sabato 18 manifestazione

ABBATTIAMO I MURI”: DOMANI A PALERMO LA MANIFESTAZIONE PER DIRE NO ALLE POLITICHE DEL GOVERNO SULL’IMMIGRAZIONE. ORE 16 CORTEO DA PIAZZA VERDI A PIAZZA BOLOGNI.

Palermo 17 febbraio 2017 – Domani 18 febbraio si terrà a Palermo la manifestazione Abbattiamo i muri” contro le misure contenute nel decreto legge immigrazione approvate la settimana scorsa dal Consiglio dei ministri. A piazza Verdi ci sarà un concentramento alle ore 16.00 e da qui partirà un corteo lungo la via Maqueda fino a piazza Bologni. La Cgil Palermo è tra gli organizzatori della manifestazione per dire no alla svolta repressiva del governo sulle politiche dell’immigrazione e dell’asilo e agli accordi bilaterali con paesi terzi non sicuri (come Libia, Sudan, Nigeria, Mali, ed altri, all’interno del Processo di Khartoum) per bloccare i flussi migratori.

Siamo assolutamente contrari all’apertura dei Centri permanenti per il rimpatrio. Il timore – dichiarano il segretario Cgil Palermo Enzo Campo e la responsabile immigrazione Bijou Nzirirane – è che si possano verificare le stesse violazioni dei diritti umani già avvenute nei Cie. Sul tema dell’accoglienza per i richiedenti asilo, riteniamo che il Modello Sprar, di cui si è dotato l’Italia, possa essere intelligente e lungimirante se implementato e rafforzato in modo da favorire percorsi di inclusione”.

Sull’impiego dei richiedenti asilo nei lavori di pubblica utilità “il lavoro – dicono gli esponenti Cgil – rappresenta un fattore importante di integrazione, di inclusione, di affermazione della dignità delle persone, così come esplicitato nella Carta dei diritti universali della Cgil”. Ma il lavoro gratuito non può essere sostitutivo del lavoro regolato da norme e contratti. “E questo – aggiungono Campo e Nzirirane vale sopratutto nella Regione Sicilia, dove è elevata la percentuale dei cittadini che emigrano, con 730.189 cittadini siciliani che risiedono all’estero e con un tasso di disoccupazione giovanile del 55,9 per ceto. Il lavoro gratuito crea conflitti nel territorio fra poveri, tra disoccupati, giovani in cerca di lavoro aumentando fatti di xenofobia e razzismo”.

La manifestazione è indetta da Adief, associazione Diritti e Frontiere, Arci Palermo, Arci Porco Rosso, Assemblea Montevergini, Associazione degli ambulanti per la fratellanza Palermo, Associazione Handala Centro Salesiano Santa Chiara, CISS – Cooperazione Internazionale Sud Sud, Comitato Antirazzista Cobas Coordinamento Antitratta Favour e Loveth Palermo, Forum Antirazzista Palermo, Isati Junco#PoterePopolare, Istituto di Formazione Politica “Pedro Arrupe”-Centro Studi Sociali, Laici Comboniani Palermo, Mediterraneo Antirazzista Missionari comboniani, Nourreddine Adnane dell’Osservatorio contro le discriminazioni razziali, Palermo senza frontiere, Ufficio migranti CGIL Palermo.

Queste le richieste alla base della manifestazione: rompere il legame perverso tra contratto di lavoro e permesso di soggiorno; creare canali umanitari e vie di ingresso legale e protette, tramite la concessione di visti di ingresso per motivi umanitari da ambasciate e consolati dei paesi occidentali, e non solo europei; usare le risorse economiche europee per aumentare la capacità di accoglienza e asilo invece di spenderle su interventi (militari) contro la mobilità umana; non affrontare più la questione migratoria secondo caratteri di eccezionalità ed emergenzialità; garantire la protezione dei diritti umani delle/i migranti, valutando i rischi che devono affrontare in Libia; adottare misure specifiche per identificare e proteggere i gruppi vulnerabili.