091/6111166     091/589245 cgilpalermo@cgilpalermo.it
Wind Tre

Slc Cgil, Wind Tre, Rsu convocate dall’azienda. L’esternalizzazione procede. Palermo conferma lo sciopero del 14 giugno. Rosso: “Si va nella direzione della destrutturazione del lavoro”.

 

Wind Tre, Rsu convocate dall’azienda. L’esternalizzazione procede. Palermo conferma lo sciopero del 14 giugno. Rosso: “Si va nella direzione della destrutturazione del lavoro”.

Palermo 9 giugno 2017 – L’operazione di outsourcing dei call center di Wind Tre procede a grandi passi. L’azienda ha convocato oggi le Rsu della sede di Palermo per comunicare l’apertura delle procedure della cessione di ramo d’azienda dell’assistenza ai clienti dei call center 133 di Palermo, Genova, Roma e Cagliari, dove lavorano 900 lavoratori, di cui 300 nella sede di Palermo. In pole position ci sarebbe la Comdata, multinazionale italiana.

A Palermo è confermato lo sciopero indetto da Slc Cgil Fistel Cisl e Uilcom Uil per il giorno 14: alle 9 concentramento a piazza Croci e corteo fino alla Prefettura. E in preparazione c’è anche una “notte bianca”, in segno di protesta. “Noi siamo preoccupati, non c’è garanzia di un lavoro certo, si va sempre più verso la precarizzazione del lavoro – afferma il segretario generale Cgil Palermo Maurizio Rosso – Per i lavoratori è la fine del sogno di un posto di lavoro a tempo indeterminato: l’azienda che li assorbirà garantirà al massimo 7 anni di occupazione, come prevede l’articolo 2112 del codice civile per i trasferimenti d’azienda. Questa non sarà l’unica ricaduta pesante dell’esternalizzazione: i lavoratori potrebbero anche perdere una parte del salario, se nell’azienda che li assorbe non dovesse esserci la contrattazione di secondo livello. Siamo più che mai allarmati perché si va nella direzione della destrutturazione del lavoro. Tutto questo non serve alla Sicilia”.